giovedì 23 giugno 2011

La Classicifa dei Migliori 10 Film di Fantozzi! (Anche Perchè Sono Solo 10...)

Facci lei! E facciamola questa classifica su tutta la saga di Fantozzi! Tragicomicamente grottesca, incredibilmente reale: un mito che rappresenta l'italiano medio, di questa Italia borghesuccia. E iniziamola 'sta fottuta classifica, va! Naturalmente sarò io il giudice: ogni risultato è contestabile (ma allo stesso tempo no...)
Fantozzi ci da la sua benedizione!
10) Fantozzi 2000 - La Clonazione
Mettere al decimo e ultimo posto  proprio l'ultimo film della saga può di certo far sorridere. In realtà ci sono delle motivazioni ben precise. Fantozzi viene clonato: morto ormai da anni per grazia della scienza (suvolontà della Mega Ditta) torna in vita. Qui continuano le gag: dinanzi ad un mondo che entra nel 2000, dove non ci si ritrova più.  E' l'unico film che si presume abbia un finale triste, perchè Fantozzi dichiara di volersi suicidare vista l'inesistenza di un mondo perfetto. Il film è molto piatto, scorre poco e non fa molto ridere. Diciamo che è stata una forzatura della serie: sia perchè è stato fatto per soldi e sia perchè sono state sceneggiate troppe forzature. L'idea poteva essere giocata meglio. "Fantozzi 2000" è stato dedicato a Gigi Reder, ovvero il noto Ragionier Filini morto nel 1998.
9) Fantozzi alla Riscossa
Settimo film della saga. Visto che viene dopo "Fantozzi va in Pensione", la maggior parte degli episodi sono legati alla vita privata del ragioniere. La "novità" è per la prima volta Fantozzi vuole provare ad avere una ribalta sociale: cercando successo o rispondere alle ingiustizie. Accadranno svariati fatti: come il divorzio con Pina, che poi la ritroverà a fine film. Nonostante qualche spezzone cult (come Fantozzi che diventa giurato in un processo di mafia), il film perde di spessore in alcuni episodi. Sopratutto perchè, con la perdita del lavoro (causa pensione) il film perde di molti spunti e gag. Questo film va lodato per aver usata la tecnica dello Slapstick (comicità basata sul linguaggio del corpo), Villaggio mostra così tutti i suoi studi di gioventù.
8) Fantozzi Subisce Ancora
Quarto capitolo della saga, il primo a non essere ispirato da un libro di Villaggio. La regia è di Neri Parenti, senza lo zampino di Villaggio. Continua la vita problematica del ragioniere, questa volta è alle prese di problemi sociale, come: assenteismo su lavoro, le elezioni, le gare aziendali di natura sportiva, problemi amoroso con Pina e il "dramma" di Mariangela che diventa ragazza madre! Villaggio lancia forti critiche: come la difficoltà di interrompere una gravidanza e (sopratutto) alla classe politica sempre più assente e corrotta. Ad aumentare la comicità del film (oltre agli attori di sempre) c'è anche un cameo di Andrea Roncato (nel ruolo del "latin lover" bolognese Loris Batacchi) e Alessandro Haber (nel ruolo del dottor Zamprini)! Il film regge bene: perde solo su alcuni punti, sopratutto per la mancanza dei racconti di Villaggio che sono stati da supporto ai film precedenti. Il film è dedicato alla memoria di Giuseppe Anatrelli, il geometra Calboni, morto prematuramente all'età di 51 anni.
7) Fantozzi Contro Tutti
Terzo capitolo, ultimo ad essere ispirato dai libri di Villaggio. La regia passa da Luciano Salce a Neri Parenti e Paolo Villaggio. Il film è in continuità con i primi due capitoli: la teledipendenza fantozziana, la leggendaria coppa Cobram ed il primo tradimento di Pina! Ci sono piccole modifiche al cast che caratterizzano il film: per la prima volta manca la signorina Silvani (cosa che non accadrà per gli altri film), ma il cambio più radicale è nella moglie Pina. Si cambia attrici: si passa da Liù Bosiso (che ora è la doppiatrice di Marge Simpson) a Milena Vukotic. Questo porta pure ad un cambiamento di personalità: la "Pina" di Liù è quasi una serva devota al marito, la "Pina" è si devota, ma allo stesso tempo non si capisce qual'è il suo vero sentimento verso Ugo. Piccola gag  per capire il passaggio di testimon: quando Ugo, uscito da lavoro, vede Pina la scambia per un barbone. Nel film c'è anche un cameo di Diego Abatantuono: nel ruolo del trucido Cecco, fornaio che avrà una relazione con Pina. Il film regge bene, perde solo in alcuni intermezzi. da questo film nascono molte gag toriche che verranno introdotte nei successivi film, come la distruttiva coppa Cobram!
6) Superfantozzi
Quinto capitolo della serie, il più originale di tutti! Come è nata la stirpe di Fantozzi? Il film ce lo mostra: dalla Creazione fino ad arrivare al futuro! Come al solito è composto da episodi, che nel bene o nel male riescono a filare bene. Non si nega , però, che alcuni episodi sono un po più statici rispetto ad altri... Per il cast ci sono degli attori d'eccezione: come Liù Bosisio (che ci sarà per l'ultima volta, senza dimenticare che nel film precedente era assente), l'attore francese Luc Merenda e la bellissima modella svedese Eva Lena. Entrambi rappresenteranno quello che Fantozzi non è, e non sarà mai. Il film è ambizioso, diverso da tutti i capitoli: la storia di un eterno perdente nei secoli e nei secoli. Una bella satira alla storia, alle istituzioni e ai suoi fatti. L'unica cosa che dispiace è che questo humor viene a volte è narrato in modo sconnesso, come se fossero "barzellette sceneggiate", e sopratutto è una palese ispirazione (non plagio) a "La Pazza Storia del Mondo" di Mel Brooks.
5) Fantozzi va in Pensione
Sesto capitolo della saga. Fantozzi è dinanzi una tappa molto importante della sua vita: il pensionamento! Dopo anni di lavori forzati, finalmente può godersi la maritata pensione.Ma scoprirà che il lavoro era la sua vita... cosa farà per ammazzare il tempo? Il film affronta in modo grottesco e malinconico un "dramma" che ammorba ogni borghese del ceto medio. La verità è amara: l'unica speranza di vita è il proprio l'odiato lavoro, in poche parole si è vittime del sistema. Grandissimo tema che Villaggio riesce ad interpretare molto bene, specialmente nel finale: gli ex dipendenti tornano a lavorare nella Mega Ditta... ma questa volta saranno loro a pagare per lavorare! Il film presenta due curiosità: c'è la prima apparizione di Bongo, il gorilla genero di Fantozzi marito di Mariangela (da notrare che Ughina non è sua figlia), e poi (teoricamente) questo dovrebbe essere l'ultimo anno dei sabati de "La Corazzata Kotiomkin" (vedi "Secondo Tragico Fantozzi").
4) Fantozzi - Il Ritorno
Nono film della saga: Fantozzi non riesce a godersi nemmeno il Paradiso! Per la mancanza di posti, Fantozzi è costretto a tornare sulla terra finchè non verrà richiamato. Come se non fosse successo nulla torna a fare la vita di sempre: affrontando problemi sempre più moderni, per un uomo che è sempre più vecchio. Il film è una bellissima satira alla politica italia (da notare l'imitazione iniziale di D'Alema e Berlusconi), con spassosissime gag ben riuscite: come il "figlio di Fantozzi" e le chat telefoniche. Potrebbe essere considerato un film leggermente "piatto", ma nel complesso è ben riuscito. Bisogna precisare un paio di cose: questo è stato l'ultimo film di Gigi Reder (deceduto l'anno dopo), inoltre il film è stato criticato per la scena dei giovani che gettano massi dai cavalcavia. In quel periodo in Italia (ma non solo) si erano realmente verificati svariati casi del genere: nel 27 dicembre 1996 aveva trovato la morte una giovane neo sposa Maria Letizia Berdini, di Civitanova Marche. Per rispetto alla vittima e ai suoi familiari, in accordo con il distributore del film, l'intera sequenza veniva tagliata dalla proiezione nel Cinema Rossini, la più grande sala della città della povera ragazza.
3) Fantozzi
Al terzo posto il primo capitolo della saga! Perchè? E' perfetto: come i romanzi a lui dedicati, tuttavia apprezzo di più gli ultimi due rimasti. E' una scelta personale! Le gag sonoindimenticabili: la sveglia di Casa Fantozzi, il veglione di Capodanno, il ristorante cinese, la partita calcistica "Scapoli" contro "Ammogliati", la sfida a biliardo, la "vacanza" a Courmayeur, Fantozzi comunista e l'indimenticabile incontro con il Mega Direttore Galattico! Grandissimo, un pezzo della nostra comicità: inserito nei "100 Film da Salvare"! Piccola curiosità: recentemente nell'edizione DVD (e poi anche quelle televisive) è stata introdotta un episodio tagliato per problemi di lunghezza del film: la scena della clinica dimagrante. La scena è presente, in una nuova versione, nel film "Fantozzi Contro Tutti".
2) Fantozzi in Paradiso
Al secondo posto c'è l'ottavo film della saga. Il più malinconico di tutti: una sublime riflessione sulla vita e la morte. La morte, questo spettro che segue Fantozzi fino a fargli scoprire che gli restano pochi mesi di vita. Passa dalla frenesia alla tristezza più totale. Pina si sacrificherà per il bene di Ugo, fino ad arrivare alla beffa finale: scoprire di non essere più malati, ma morire perchè si è "caduti su una buccia di banana". Il funerale sarà qualcosa di glorioso: tutti gli amici, parenti e perfino la nuvola d'impiegato lo accompagneranno alla tomba. Ma dall'alto del Paradiso Ugo guarderà gioioso... siamo sicuri che finisca tutto qua? La sfortuna non lo abbandonerà mai: il suo aereo viene dirottato nel Paradiso Buddista! Incontrerà Buddha in persona che lo costringerà a reincarnasi. La sua sfortuna gli fa ricominciare tutta la sua stessa vita da capo! Film molto profondo, che fa capire il pensiero di Villaggio sulla morte e la religione. Il film inizia con un funerale: cosa che farà capire il tema malinconico del film, ma allo stesso tempo nobilita la "merdaccia" Ugo Fantozzi facendogli avere una sua rivincita su questa vita. Sul piano religioso vediamo da parte di Villaggio il ricongiungimento con la fede cristiana. maggiormente dinanzi lo schiacciasassi che lo ucciderà Fantozzi. Il ragioniere sorride e alza le mani al cielo: come se volesse dire "Padre a te affido il mio Spirito". Da un lato si vede anche il diritto di eguaglianza delle religioni, come nella scena dell'incontro con Buddha. La scena del Paradiso ricorda molto la "Divina Commedia" di Dante: anime bianche tutte candide. Un film molto profondo e filosofico, merita tutto il secondo posto! Curiosità: questo è l'ultimo film di Plinio Fernando come Mariangela e l'unico dove Fantozzi fa finalmente sesso con la signorina Silvani!
1) Il Secondo Tragico Fantozzi
Al primo posto c'è il secondo capitolo della saga. Apoteosi totale! Viene ripresa la perfezione del primo film, ma potenziata con forti cariche di comicità satirico/grottesca e critica sociale. Le Scene uniche nel loro genere. Ma il film si racchiude in una frase: "Per me la La corazzata Kotiomkin è una cagata pazzesca!". Seguono 92 minuti di applausi! Scherzi a parte, dobbiamo dare delle spiegazioni: durante la produzione del film, Villaggio e Salce non poterono permettersi i diritti di dell'immortale pellicola de "La Corazzata Potëmkin"- Storpiarono il nome della pellicola: mantenendo però alcuni pezzi del film rigirati (come l'occhio della madre). La scena fu talmente apprezzata che, in Russia, Paolo Villaggio venne premiato per l'interesse mostrato sulla cultura cirillica. E pensare che quella scena doveva solo rappresentare una parodia della cultura medio borghese. Lo ripeto: il film è eccezionale! Il migliore di tutta la serie!
Fuori concorso
 Fantozzi Contro Fantozzi - Quando c'Era Lui... Caro Lei!
Film di Villaggio del 1978: parodistico verso il regime fascista. Nel film non c'è per niente Fantozzi! Il titolo originale è "Quando c'Era Lui... Caro Lei", ma con l'uscita del DVD aggiunsero "Fantozzi Contro Fantozzi" per venderlo....
Commento finale
Si conclude così il post. Questi sono i miei gusti, potete anche lasciare la vostra classifica se volete :).
In ogni caso: grande Villaggio, grazie d'averci donato il ragionier Ugo Fantozzi! Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

19 commenti:

  1. Concordo pienamente con la classifica! Anche se preferisco i culi delle ragazze del primo video

    Francesco

    RispondiElimina
  2. grandissimo post, ahahhahah!

    RispondiElimina
  3. oddio l'immagine iniziale è stupenda! in pieno stile anno 80!

    RispondiElimina
  4. sono le tre passate... azzo, mi aspettavo più commenti :P

    RispondiElimina
  5. e il resto???


    [tiè]
    non da il resto!

    RispondiElimina
  6. So I was Surfin The Net As Usual!

    RispondiElimina
  7. Fantozzi questo soggetto mezzo uomo mezza merdaccia, figurante del popolino medio, un inetto, un mediocre, un santo e martire dei nostri giorni. Ode a te o grande filosofo di questa scialba vita

    RispondiElimina
  8. adesso capisco il tuo commento rabbino

    RispondiElimina
  9. La scelta dei video è stata ben azzeccata! esilaranti tutti!aahahah XD

    RispondiElimina
  10. ruben bombarolo26 giugno 2011 17:34

    birretta.... le casalingue... mmmmhhh..... cannetta! C'è tutto per fare una serata

    RispondiElimina
  11. hai recensito molto bene : parto scettico contro certe cose, ma l'hai recensita molto bene da far venire la voglia di vederli, parlo dei primi 5

    RispondiElimina
  12. Devo proprio dire un bravo al nostro Marco per questi bellissimi omaggi che ha fatto al mitico Fantozzi con il post e il corto!!!
    ;-)

    L'attore che dice "Mammamia che dolore" di "Fantozzi alla Riscossa" c'era anche in uno dei film de "Le Comiche"!

    RispondiElimina
  13. zhhhaha! è vero, me lo ero proprio dimenticato! In effetto quell'attore è diventato famoso solo per quella gag

    RispondiElimina
  14. fantozzi si che ha il cervello fino.

    RispondiElimina
  15. è sempre stato un asso della nostra comicità, grande villaggio!

    RispondiElimina
  16. L'ho vista solo adesso: grande Fantozzi buaahaahaahahahu :D

    RispondiElimina
  17. Ma è stato per caso tradotto da un'altra lingua.
    Comunque la scena del tordo è del secondo tragico Fantozzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si: Fantozzi venne proposto anche all'estero.
      Ho corretto l'errore grossolano.

      Elimina